Facebook
   

   

                          

Dal 1981 al 1997  Fondatrice Sig.na Anna Maria Andreani (Madre Provvidenza)

e Co-Fondatore Padre Luigi Graziotti.

    La Congregazione ha avuto inizio nel 1981 a Fidenza, costituita come Associazione Pia Unione, su proposta della Fondatrice Sig.na Anna Maria Andreani (Terziaria Carmelitana) bergamasca, riconosciuta come Madre Provvidenza e del co-fondatore Padre Luigi Graziotti (Congregazione Sacerdoti del Sacro Cuore di Gesù) bresciano.

    Alla Signorina Anna Maria Andreani e Padre Luigi Graziotti sono stati conferiti da parte di Dio il dono di dare vita ad una famiglia religiosa - al di delle circostanze storiche;  loro sono stati privilegiati da Dio nel fondare nel 1981 una famiglia religiosa:  la Congregazione delle Suore Missionarie della Fede.  Per la fondatrice e il co-fondatore, Von Balthasar scrive: sono «una nuova interpretazione della rilevazione, un arricchimento della dottrina riguardo a nuovi tratti finora poco considerati.  Anche se essi stessi non sono stati teologi o dotti, la loro esistenza nel suo complesso è un fenomeno teologico che contiene una dottrina vera, donata dallo Spirito Santo».  La Madre Fondatrice è ritornata alla Casa del Padre, il 16 giugno 2002, la sua tomba si trova a Cornale di Pradalunga-Bergamo (suo paese natale) e il co-fondatore è ancora vivente.

 

 

Dal 1997 al 2006   Padre Pezzimenti Vincenzo, sj - Commisario Pontificio

    Dopo la fondazione e lo sviluppo della novella Pia Unione, la Madre Chiesa ha mandato il Commissario Pontificio nella persona di Padre Vincenzo Pezzimenti, religioso gesuita, il cui compito consisteva nel dare maggior solidità alla famiglia religiosa sia nell’ambito giuridico che formativo secondo la richiesta dalla Santa Sede della Congregazione dell'Istituto di Vita Consacrata e la Società di Vita Apostolica nell'Anno 1997.

    Padre Pezzimenti Vincenzo, ha guidato l’Istituto per 9 anni, dopo aver elevato la Pia unione a Congregazione di Diritto Diocesano celebrando il Primo Capitolo Generale; ha terminato il suo servizio secondo il mandato della Santa Sede ed ha lasciato l’Istituto sotto la guida del governo ordinario.